Tempo di lettura: 2 minuti

Orgoglio, realizzazione e qualche soldino.

Fresco di uscita, Assassin’s Creed Odyssey nasconde un simpatico easter egg che lancia una chiara frecciatina ad EA sul tema delle loot box. Certamente saranno in molti a ricordare il clamoroso caso delle microtransazioni all’interno di Star Wars: Battlefront II, le quali crearono molte polemiche tra la community poiché vennero ritenute responsabili di aver trasformato il gioco in un pay-to-win.

Assassin’s Creed Odyssey

EA, per difendersi dalle accuse, rispose ad un post su Reddit con questa frase: “The intent is to provide players with a sense of pride and accomplishment for unlocking different heroes”, ovvero dichiarò che il sistema di microtransazioni del gioco era stato pensato con l’intento di “fornire ai giocatori un senso di orgoglio e realizzazione per lo sblocco di differenti eroi”. La citazione “pride and accomplishment” divenne dunque virale, ma tale risposta scatenò una miriade di polemiche accompagnate da commenti e voti negativi.

Ed è proprio qui che entra in campo Ubisoft con il suo Assassin’s Creed Odyssey. Nelle ultime ore alcuni giocatori hanno infatti scoperto un simpatico easter egg che cita la celebre (e disastrosa) risposta di EA riguardo le microtransazioni. La frase è stata riportata per intero all’interno di Assassin’s Creed Odyssey durante un dialogo con un NPC, dove con un forte e chiaro “pride and accomplishment”, il personaggio offre al giocatore la possibilità di pagare per evitare una sfida.

Potete trovare la celebre gaffe di EA riproposta da Ubisoft nel video di Assassin’s Creed Odyssey sottostante. Vi avvisiamo che potrebbero esserci degli spoiler, quindi se volete ascoltare solo la frase andate direttamente al minuto 6.30.

Di certo anche Ubisoft ha i suoi grattacapi con i sistemi di monetizzazione, ma la software house ha voluto scherzare sull’argomento e lanciare una chiara frecciatina ad EA… o forse farle uno sgambetto?

Fonte