Tempo di lettura: 1 minuto

Hollywood colpisce ancora.

Dopo la notizia del licenziamento di James Gunn da parte di Disney a causa di alcuni tweet scritti ormai più di dieci anni fa, il mondo dello spettacolo e non solo si è attivato subito per prendere le parti del regista fino a quando non è arrivata la notizia del ritorno del regista al progetto dei Guardiani della Galassia vol. 3. Ora sembra che la storia si stia ripetendo. O forse no?

Sembrerebbe che quella serie di tweet stia continuando a portare guai a James Gunn che, ironia della sorte, affida a Twitter un messaggio di sfogo verso Hollywood affermando come, a causa delle vicende degli ultimi mesi, egli stia continuando a trovare ostacoli sulla strada della produzione del terzo capitolo dei Guardiani della Galassia, annunciando infine l’abbandono del progetto.

Nel tweet Gunn afferma come, seppur manifestando vicinanza alla propria persona, numerosi volti noti dello spettacolo abbiano solo avuto dei comportamenti di facciata, dimostrando nel privato di disprezzare Gunn stesso.

Tutto ciò appare assurdo e inaspettato, la community si è subito riattivata chiedendo a gran voce spiegazioni ai vertici Disney. Insomma, questa notizia è una vera doccia fredda per tutti, arrivata solo poche ore dopo la presentazione ufficiale della nuova mascotte della produzione dopo la scomparsa di Oreo: il procione Ringo.