Tempo di lettura: 3 minuti

Calmi, pazienti, a volte si improvvisano psicologi… I commessi dei negozi di videogichi come ci vedono?

commessi

Quante volte ci siamo lamentati del commesso del nostro negozio videogiochi, ma vi siete mai chiesti cosa fareste voi dall’altra parte della barricata? Come vi comportereste in prima linea a dover trattare con alcuni clienti ….”estrosi”?
Per i molti che non mi conoscono, lavoro in una catena di videogiochi da molti anni e vi assicuro mantenere la pazienza in certi casi richiede un’autocontrollo degno di un maestro Zen. Queste sono alcune delle perle al quale ho, purtroppo, assistito. I commenti in nero sono quelli che ho espresso, mentre quelli in rosso sono quelli che ho FORTEMENTE pensato.

Livello di stordimento 1° (stai bene?)

  • cliente : “scusa, è questo il prezzo? ”
    no e che mi piace attaccare etichette a caso , tanto per far casino
  • Cliente: “Scusa che cosa vuol dire ‘usato’?”
    dici che il termine si apre a molteplici interpretazioni?
  • Cliente: “di Fallout new vegas non c’ho capito nulla…. io avanzavo uccidendo tutti”
    io: “…”.
    complimenti , hai scelto bene
  • Cliente si esibisce in un comizio su sony :”i processori della ps3 sono avanti di 10 generazioni rispetto a qualsiasi altro processore in commercio , per questo non la vendono al alcuni paesi altrimenti utilizzerebbero quei processori per le armi”
    Si certo… Adesso vengono degli omini bianchi con una camicia con le maniche legate, non opporre resistenza

Livello di stordimento 2° (sei fuori come uno zerbino)

  • Cliente: (riferito a Dante’s Inferno) “ma Dante non era il personaggio di un libro?”
    Davvero? -.-” (ironico)
  • Cliente prende in mano Total War Rome 2 per pc: “Scusa, ma non è che pagando me lo potete convertire per psp?”
    a beh si… ora chiamo e lo faccio preparare…
  • Cliente : “vorrei un gioco per PS2″
    io-“Certo ! Che genere le piacerebbe?”.
    Cliente-“Non so… Qualcosa che ancora non ho provato”
    Perfetto, preferisce che vada a casa sua a controllare o vuole che le legga pensiero?
  • un cliente compila un modulo per la tessera. Alla voce “cap” ha scritto “Roma”…
  • scusi posso lasciarle qui il bambino mentre vado a fare la spesa?
    Certo signora! Non ha visto fuori il cartello “NEGOZIO + PARCHEGGIO FIGLI”
  • Cliente: “avete GTA iv?” (letto come se fossero lettere).
  • cliente: “mi piacciono i giochi dove devi sparare a tutti”
    io: “hai mai provato duck hunt?”
    cliente: “lo proverò!”
    io ero ironico, il cliente no.
  • Cliente : “scusi vendete barattoli di colla?”
    noi no, provi al verduraio qui difronte.
  • Io: “Sembra che il suo televisore non riconosca la consolle”
    Cliente: “dice che la devo girare verso la ps3 così la vede?”
    Certo, se poi gli prepara pure la cena, fanno amicizia

Livello di stordimento 3° (Manicomio)

  • cliente: “ vorrei comprare GTA, il nuovo.”
    io : “il 5 ?”
    Cliente: “intendevo il liberty city ”
    io: “ah… per quale console lo vuoi”
    Cliente: “console? E io che ne so! faccia lei..”
    io ….
    come l’ultima vignetta della settimana enigmistica: senza parole
  • Cliente (ragazza): “Ciao vorrei Mass Effect 2 per ps3 usato. Puoi farlo sembrare come nuovo?”
    io: “beh posso sigillartelo se vuoi”
    Cliente “Perfetto tanto lui non è proprio intelligente… Già che uno di 35 anni sta con una di 19…”
    “…..”
    ha fatto tutto lei
  • io : “ha la tessera?”
    Cliente: “quella del conad?”
    io: “….”
    mentre distribuivano l’acume ti hanno scambiato per un cactus, vero?
  • una Cliente mi porta un cd usato , lo controllo
    io -” signora, questo cd è sporco di nutella”
    Cliente :”nutella?! non è possibile! quella non è nutella!”
    io ” beh, visto il colore, SPERO sia nutella”
    bleah!
  • Cliente : “ma posso scaricarmi i giochi gratis di siti pirata?”
    io “no , perchè è illegale”
    cliente “nooo, se lo faccio a casa mia è legale”
    io “….”
    :V
  • Cliente entra con aria incavolata: “Lei è un co****ne!”
    io: “scusi!?!??!”
    cliente: “si, ha truffato mio figlio!”
    io: “guardi ci dev’essere un’equivoco… mi spieghi a cosa si riferisce”
    cliente: “Lei ha valutato un gioco solo 10 euro, mentre io l’ho pagato 60″
    controllo e il cliente si riferiva a Legendary per ps3
    io: “guardi che è un gioco di 6 anni fa… mi pare normale che sia calato di prezzo e perciò anche di valutazione per di più….”
    Cliente: “A me non interessa cosa è calato! io l’ho pagato 60 euro , perciò voi dovete darmi 60 euro!”
    Certo….
  • Cliente: “Mi è uscito un errore sul pc!”
    Io: “Quale errore?”
    Cliente: “Non lo so, ho cliccato ok.”
    Complimenti!
  • Cliente: “Quanto costa il 3ds in vetrina?”
    io “quale?” esposti c’erano 3 modelli
    cliente: “quello da 99,90!”
    Ecco a  voi il re assoluto della demenza

Questi sono solo alcuni esempi di quello che giornalmente sentiamo. Siate buoni con noi commessi , perché ad avere a che fare con certi elementi ci si gioca la sanità mentale!