Tempo di lettura: 4 minuti

Arrivano le Olimpiadi dei Videogames su QDSS.it!

Oggi tocca all’Europa inaugurare i giochi presentando i suoi campioni.

Manca un solo giorno all’inizio delle Olimpiadi di Rio, un evento che ha fin da subito destato molte preoccupazioni e critiche, ma che comunque affascina da sempre milioni di amanti dello sport.

Bene, ma cosa c’entrano le Olimpiadi con QDSS.it? In termini sportivi, nulla, ma in termini concettuali, molto. Questo articolo, infatti, inaugura la prima edizione delle Olimpiadi dei Videogames targato QDSS.it. Vedremo scontrarsi i migliori titoli sviluppati nei cinque continenti e sarete voi stessi a decretare i vincitori per ogni categoria. Le specialità sono: storia, grafica, gameplay, colonna sonora e mobile viral game, ovvero il gioco che ha più influito in termini di popolarità nel mondo del mobile.

Il primo continente a mostrare i suoi campioni è ovviamente l’Europa. Nostra terra natale che mostra particolare interesse nell’allenamento dei suoi atleti, mostrando ogni anno parecchi titoli interessanti. La scelta della federazione olimpionica è stata ardua, ma alla fine sono stati scelti gli sfidanti che dovranno concorrere alla medaglia d’oro per ogni categoria.

Olimpiadi

STORIA

Si è partito subito con la scelta degli atleti per la specialità “storia“: l’Italia porterà un Indie davvero interessante, The Town of Light, capace di impressionare e commuovere con una storia verosimile e ambientata in luoghi reali. Dalla sua la Francia ha deciso di candidare ben 7 titoli: Dishonored, Beyond: Due anime, Life Is Strange, Valiant Hearts e titoli un po’ più vecchi, ma sempre forti e convincenti: Heavy Rain, Fahrenheit, Omikron: The Nomad Soul. Giochi molto diversi tra di loro, alcuni divenuti un cult del videogame (come Omikron) e altri semplicemente adorati per la trama e l’intreccio che essa creava. Dalla Gran Bretagna provengono le candidature di Max Payne e MediEvil, quest’ultimo divenuto il simbolo per molti videogiocatori della PlayStation 1. Infine, dalla Germania, dalla Danimarca e dalla Polonia arrivano le presentazioni di Crysis, Ryse: Son of Rome, Inside e il triste ed educativo The War of Mine.

GRAFICA

Per la grafica le scelte sono state: i complessi Crysis 3 e Ryse: Son of Rome dalla Germania che grazie al motore grafico originario della software house mostrano, anche a distanza di anni, dettagli che difficilmente altri titoli riescono ad eguagliare. Il vasto e spettacolare Grand Theft Auto 5 dalla Gran Bretagna che diviene ancora più bello grazie a delle mod. Difficile non inserire l’eleganza e la bellezza dei paesaggi di The Vanishing of Ethan Carter, l’offuscato e grigio panorama ben realizzato e ottimizzato di Kholat e l’accesa e complessa gestione delle luci e dei dettagli paesaggistici della saga di The Witcher dalla Polonia. Infine i tristi ed estremamente realistici Heavy Rain e Beyond dalla Francia e il quasi fotorealistico gioco automobilistico Assetto Corse dall’Italia.

The Witcher 3: Wild Hunt

Ryse: Son’s of Rome

Crysis 3

Heavy Rain

Grand Theft Auto 5

Assetto Corsa

The Vanishing of Ethan Carter

Kholat

Beyond

GAMEPLAY

Olimpiadi

Nel caso del gameplay, i giochi presentati sono stati parecchi, ma si è fatto subito una selezione candidando solo quelli più caratteristici. Vi sono: i “rivoluzionari” LittleBigPlanet e No Man’s Sky dalla Gran Bretagna, l’avveniristico e famosissimo Minecraft, il movimentato Mirror’s Edge e il colorato e rilassante Unravel dalla Svezia, le famosissime e amate saghe di Assassin’s Creed e Far Cry dalla Francia, un difficile, ma interessante, Ori and the Blind Forest dall’Austria e Tropico, il simbolo dei gestionali, dalla Bulgaria.

COLONNA SONORA

La colonna sonora ha portato alla ribalta alcuni giochi che hanno visto la partecipazione di compositori di fama internazionale. Tra questi giochi sono spiccati: Beyond che ha visto la partecipazione di Hans Zimmer e Normand Corbeil purtroppo defunto lo stesso anno in cui è uscito il gioco, Far Cry 3 di Bryan Tyler, Dishonored di Daniel Licht, Variant Hearts di 8 autori indipendenti vari e Assassin’s Creed Syndicate del grande compositore Austin Wintory per la Francia. Infine The Witcher 3: Wild Hunt di Marcin Przybylowicz per la Polonia, Devil May Cry di Noisia per la Gran Bretagna e Ori and the Blind Forest di vari artisti dall’Austria.

https://www.youtube.com/watch?v=97_Wi7hUP6o

https://www.youtube.com/watch?v=MeVFrt7BUyw

https://www.youtube.com/watch?v=iU976kGLD_s

https://www.youtube.com/watch?v=oLSdl-CdOBo

https://www.youtube.com/watch?v=5l4yE7tByxY

https://www.youtube.com/watch?v=l3rClyAOxwA

https://www.youtube.com/watch?v=QEMtvVzieVc

MOBILE VIRAL GAME

Infine, per la categoria mobile viral game, sono stati candidati Angry Birds, Badland, Boom Beach, Clash of Clans e Clash Royale dalla Finlandia, Monument Valley, Plague Inc. e Candy Crush dalla Gran Bretagna, Asphalt 8: Airborne dalla Francia, Ruzzle dalla Svezia, Subway Surfers dalla Danimarca e 2048 dall’Italia.

Angry Birds

Asphalt 8: Airborn

Badland

Boom Beach

Candy Crush SAGA

Clash of Clans

Monument Valley

Plague Inc.

Ruzzle

Subway Surfers

Clash Royale

2048

L’Europa ha presentato i suoi titoli che concorreranno alle Olimpiadi dei Videogames 2016 indetto da QDSS.it e adesso tocca a voi. Dovrete infatti votare i titoli che secondo voi meritano di concorrere alla sfida finale in base ad ogni categoria in cui sono presenti. Per votare basta commentare e ovviamente da oggi si inizia con l’Europa e via via dovrete votare per ogni continente.

Cercate di essere imparziali poiché, presto, arriveranno delle particolari sorprese che sicuramente non vi aspettate. Vi lascio un indizio: secondo voi l’Africa ha delle software house in grado di concorrere a questa sfida? Se vi dicessi di sì? Lo scoprirete nel prossimo articolo di presentazione.