Tempo di lettura: 20 minuti

Vai alla pagina dedicata a:

Quei Due Sul Server             QDSSClub             Erorri Motrali             Fish             Docety             Domande dei lettori

Fish

Il nome Fishsheet da dove viene fuori?

Fish Quei due sul serverN: Intanto, il nome vero del fumetto è “Fish”. Fishsheet è il nome che abbiamo dovuto scegliere per la pagina Instagram, in quanto tutte le altre combinazioni che abbiamo provato non erano disponibili. E, come si può ben immaginare, i protagonisti saranno dei pesci.

M: Il progetto Fish è nato molti anni fa e non doveva essere un fumetto; inizialmente avevamo pensato a un cartone animato. Abbiamo rinunciato a quest’idea per le difficoltà che ci sarebbero state nel doppiaggio di tanti personaggi: all’epoca era un progetto che, per quanto ci piacesse e lo ritenessimo figo, non prometteva grossi incassi, quindi non potevamo schiavizzare dei poveri doppiatori senza la certezza di potergli offrire una retribuzione.
Se il progetto “cartaceo” dovesse funzionare bene, come ci auguriamo, allora forse Fish potrebbe tornare al suo stato originario e diventare un cartone animato.
Nel frattempo, già nella forma di fumetto ci sta piacendo molto.

Avete già preparato molto materiale?

M: Abbiamo tonnellate di materiale di prova: bozze, schizzi, idee e soggetti già scritti; di fruibile c’è ancora molto poco perché abbiamo lavorato molto a lungo sulla struttura artistico-visiva.

N: Come diceva Mario, questo è un progetto che avevamo nel cassetto da tanto tempo, ben 4 anni! Inizialmente doveva vedere la luce sul canale “I Rognosi”, ma ci avrebbe preso troppo tempo e non ci assicurava alcun ritorno. Allo stesso modo, ci sono diversi altri progetti che, a malincuore, abbiamo dovuto mettere da parte perché sarebbero stati troppo poco remunerativi rispetto al tempo che avremmo dovuto spenderci per attuarli.
Per fortuna, con Fish abbiamo poi trovato un modo per riutilizzare l’idea adattandola al contesto odierno, lanciandola su Instagram – che quattro anni fa non aveva il successo che ha oggi – e reindirizzandola sul mondo dei fumetti, forti dell’esperienza fatta con Erorri Motrali.

Quindi sarà un progetto che girerà tutto intorno a Instagram?

N: Per la maggior parte, sì. Si incentrerà tutto sulla pagina Instagram e sul supporto cartaceo

M: Tra l’altro, non bisognerà attendere ancora molto per poter avere un primo assaggio di cartaceo.

Il fumetto avrà un solo protagonista principale o sarà un’opera corale? O, ancora, una serie antologica?

M: Ci sarà un personaggio intorno al quale ruoterà tutto, almeno all’inizio. Questo ci servirà per introdurre e spiegare alcune dinamiche, dopodiché Fish diverrà un’opera corale.
Abbiamo già scritto i soggetti di alcuni episodi e ognuno di essi avrà un diverso protagonista; non troppo incentrata su un nucleo ristretto di personaggi come succede, per esempio, a serie tipo I Simpson, che è piena di personaggi che si imparano a conoscere nel tempo ma, sostanzialmente, tutto gira sempre intorno alla famiglia Simpson.
Questa caratteristica di Fish ci piace molto e ci tornerà molto utile, come si è già potuto vedere, per prendere un personaggio e creare delle “pagine” da pubblicare su Instagram, introducendo un pesce alla volta.

N: Esatto, li facciamo evolvere un po’ alla volta.

fishsheet instagram quei due sul server

Fishsheet, la pagina Instagram dedicata a Fish

Dunque non ci sarà una vera e propria trama che andrà a coinvolgere tutti i personaggi?

M: Inizialmente no. Quello che abbiamo creato per Fish è un mondo estremamente malleabile, che si presta tantissimo alla parodia e all’ironia su argomenti di attualità.
È un mondo che, per il momento, non ha una vera e propria trama ma ha un contesto ben definito, con personaggi ben delineati.
Nulla vieta che in futuro la storia possa evolversi in qualcosa di un po’ più complesso, d’altra parte la versione cartacea di Fish avrà un’impostazione molto diversa rispetto alla versione online: mentre online pubblicheremo delle strisce, nella versione cartacea ci saranno delle vere e proprie storie.

Immagino che la versione cartacea sarà suddivisa in volumetti…

N: Non immaginare!

M: Guarda, adesso non ti conviene immaginare nulla! Fish è un progetto abbastanza strano, infatti dobbiamo anche cercare di capire bene come piazzarlo a livello editoriale.

C’è una data d’uscita prevista?

N: …Grazie, ci vediamo per la prossima intervista!

M: Su questo non possiamo dire ancora assolutamente nulla, altrimenti facciamo un disastro!
Diciamo solo che non c’è da aspettare tantissimo, come tutte le cose che decidiamo di fare non avrà tempi lunghissimi di attesa. Forse si aspetterà più per il video alcolico e per la canzone del procione che per questa cosa.