Tempo di lettura: 2 minuti

Ed è subito GTA!

Tutti noi conosciamo bene quel sentimento di amore, passione e gioia che si prova quando si prende in mano un joypad o un mouse, quando si accende la nuova console appena comprata o quella che da anni ci accompagna nel duro cammino della vita, donandoci un po’ di svago e di relax quotidiano. Allo stesso tempo, tutti conosciamo le minacce dei genitori, arrabbiati per le troppe ore passate davanti ad un monitor e nel mondo dell’irrealtà videoludica. “Se non fai i compiti ti tolgo la console” o “se non fai il bravo il computer non lo vedi più” sono solo alcune delle frasi che tanti di noi si sono sentiti dire.

C’è chi reagisce decidendo di rimboccarsi le maniche e fare il meglio che può per riavere indietro il suo “gioiello”, chi cade in depressione, chi protesta e chi la prende così male da rubare la macchina alla madre. Quest’ultimo fatto è accaduto in Ohio, dove un ragazzino undicenne che si era visto sottrarre la sua PlayStation (presumibilmente una PS4) ha deciso di farla pagare alla madre rubandole per ben due volte in due anni diversi la macchina, costringendo la polizia a un inseguimento a 100 miglia orarie.

Nel 2017 il ragazzino aveva rubato la Toyota Avalon della madre, mentre nel 2018 è tornato all’attacco, soffiandole una Dodge Durango del 2013. Avrebbe prontamente sottratto le chiavi delle macchine mentre l’ignaro genitore dormiva, per poi uscirsene da solo in un gesto che sa di amara vendetta. L’inseguimento con la polizia è iniziato quando il padre dell’undicenne lo ha riconosciuto a bordo del SUV. Il piccolo gamer ha provato a nascondersi in una stazione dei pompieri abbandonata, senza molto successo. È stato infatti individuato da una pattuglia della polizia. Preso probabilmente dal panico e non sapendo cosa fare, l ragazzino è corso con la polizia alle calcagna alla velocità di ben 100 miglia orarie. L’inseguimento è terminato quando è finito contro un’auto in sosta.

Mamme e papà, mi raccomando: se avete intenzione di sottrarre la PlayStation ai vostri figli, assicuratevi anche di nascondere le chiavi della macchina!

 

Fonte