Tempo di lettura: 5 minuti

Finalmente un best buy Samsung nella fascia media!

Lo scorso mese, Samsung ha tolto i veli alla sua nuova generazione di fascia media Galaxy A. Uno di questi è il Galaxy A50, uno smartphone che si colloca nella fascia medio-alta ed entra decisamente in competizione con gli altri smartphone della stessa fascia, come Xiaomi Redmi Note 7 (per fare un esempio totalmente casuale).

CARATTERI GENERALI

galaxy a50

Iniziamo con una visione d’insieme dello smartphone: nella confezione troviamo la solita manualistica, il cavo USB-C, l’alimentatore da 15W e delle cuffie in-ear di qualità media.
I materiali impiegati sono di ottima fattura, seppur si tratti di policarbonato. Infatti lo smartphone è molto solido, non scricchiola e al tatto non risulta affatto “cheap”. Davanti troviamo un vetro Gorilla Glass 3, un po’ vecchiotto, ma comunque molto valido ancora oggi. Una cosa che personalmente ho molto apprezzato è la colorazione della back cover: all’apparenza sembra di un grigio scuro molto anonimo, ma quando viene colpita dalla luce produce striature colorate molto particolari, che cambiano a seconda dell’angolazione.

galaxy a50

DIMENSIONI E PESO

Lo smartphone è molto leggero nonostante le sue dimensioni non proprio contenute, ma comunque in linea con le dimensioni del display da 6,4”. Infatti, lo smartphone è grande 158,5 x 74,7 mm per 7,7 mm di spessore con un peso di soli 166g. Ottima la possibilità di inserire due sim senza rinunciare allo slot per la micro-SD.

HARDWARE

La CPU utilizzata sul Galaxy A50 è un Exynos 9610 octa-core (4x 2,3GHz + 4x 1,6GHz) con architettura big.LITTLE e GPU Mali-G72 MP3. Troviamo inoltre 4GB di RAM e 128GB di archiviazione UFS 2.0 (espandibile con micro-SD fino a 512GB). Questo dettaglio non è da sottovalutare, considerato che le memorie UFS sono molto più veloci delle normali eMMC 5.1 che normalmente troviamo nelle fasce media e bassa. Infatti, la velocità di lettura si attesta sui 500 MB/s, mentre in lettura si attesta sui 200 MB/s. Questo garantisce un’apertura più rapida delle app e molte meno probabilità di impuntamenti del sistema.

Per quel che riguarda l’audio, la capsula auricolare ha un timbro molto corposo e fedele, mentre i microfoni fanno il loro dovere in modo egregio, quindi nessun problema in chiamata. Lo speaker invece è sufficiente: il volume è alto, ma sinceramente ho sentito una qualità migliore altrove (ma almeno non gracchia!).

SENSORI

galaxy a50

Buono il sensore di impronte digitali sotto al display, ma merita un discorso a parte: il Galaxy A50 viene venduto con un firmware che rende tale sensore incredibilmente lento. Quindi, se decidete di acquistarlo, provvedete subito all’aggiornamento software (già disponibile), che renderà il sensore di gran lunga più affidabile e veloce. Non sarà comunque un fulmine, ma fa discretamente il suo dovere. Velocissimo invece lo sblocco con il volto 2D (che non si fa ingannare da una fotografia, quindi state tranquilli). Non mancano il sensore di prossimità e luminosità.

CONNETTIVITA’

Sotto questo punto di vista non manca assolutamente nulla. Abbiamo Wi-Fi dual band (a/b/g/n/ac), Bluetooth 5.0, NFC, ANT+, LTE fino a 600 Mbps, jack per le cuffie, GPS e porta USB-C 2.0.
La ricezione è molto buona e non ha particolari difficoltà ad agganciare la rete, ma tenete in considerazione il fatto che questo fattore dipende anche dal gestore telefonico da voi utilizzato. Per quanto riguarda i valori SAR, si attesta a 0.27 W/kg per la testa e 1.39 W/kg per il corpo.

FOTOCAMERA

Passiamo adesso ad uno dei punti di forza dello smartphone, la tripla fotocamera. Troviamo un sensore standard da 25 Megapixel f1.7, un sensore grandangolare di 12 mm da 8 megapixel f2.2, e l’ultimo da 5 Megapixel, che serve solo per raccogliere informazioni sulla profondità di campo.

Di giorno gli scatti sono ottimi, sia per la camera standard che per quella grandangolare. Molto buona anche la gestione dell’HDR e la velocità di messa a fuoco. Il sensore per la profondità di campo lavora altrettanto bene, il soggetto viene focalizzato in modo efficace, ma non perfettamente.
Di sera invece gli scatti perdono un po’ di qualità, in quanto il rumore di fondo risulta più evidente, perdendo quindi di nitidezza. Gli scatti in fin dei conti non sono terribili, ma lontani dalla qualità riscontrata durante quelli diurni.

La fotocamera frontale invece è ottima, anch’essa da 25 Megapixel con apertura f2.0, e lavora molto bene anche in controluce.

Per ciò che riguarda i video, vengono girati massimo fino a 1080p e 30fps, anche se sulla carta potrebbe fare di più (perché, Samsung?). Risultano comunque molto buoni, ma la messa a fuoco è molto più lenta. Non mancano comunque le modalità Pro, Hyperlapse, Rallentatore (fino a 480fps) e Panorama e le simpatiche Emoji AR.

DISPLAY

galaxy a50

Da questo punto di vista c’è poco da dire, Samsung con i suoi Super Amoled non delude mai. La diagonale è da 6,4 pollici con risoluzione Full HD+ e un rapporto d’aspetto 19,5:9, con una densità di 403 pixel per pollice. La luminosità massima si attesta sui 370-380 cd/mq, un valore sufficiente per utilizzare lo smartphone in praticamente tutte le condizioni di luce. Ottima la copertura dello standard sRGB che raggiunge il 143%. Nel software c’è la possibilità di impostare un profilo colore, quello di default dà colori molto vivaci e piacevoli alla vista, ma poco naturali. Se si vuole un profilo più fedele alla realtà, consiglierei il profilo Cinema Amoled. Non si può inoltre non notare la presenza di cornici molto sottili, con un piccolo notch a goccia che Samsung ha battezzato Infinity-U.

BATTERIA

La batteria del Galaxy A50 ha una capacità di 4000 mAh, veramente ottima. Con un utilizzo medio (chiamate, messaggi, social e qualche oretta di gioco complessivi) si arrivano a coprire tranquillamente quasi 2 giorni di autonomia, o poco più di un giorno con un utilizzo intenso. Samsung vende lo smartphone con un caricabatterie classico da 15W, il quale lo ricarica in modo veloce, ma non velocissimo (poco più di un’ora e mezza per una ricarica dallo 0 al 100%). Non c’è la ricarica wireless, ma è molto difficile trovarla in questa fascia di prezzo.

SOFTWARE

Il Galaxy A50 arriva con Android 9 Pie e la sua One UI a bordo, con tutte le funzioni del Galaxy S10, come il benessere digitale e l’assistente digitale Bixby (anche in italiano). L’unica piccola mancanza è il feedback aptico durante la digitazione su tastiera o alla pressione dei tasti di navigazione. La One UI è ben strutturata, visivamente piacevole e abbastanza ottimizzata per i display borderless e l’utilizzo con una mano sola, un po’ meno ottimizzata dal punto di vista delle prestazioni. Migliorando infatti quest’aspetto, potremmo avere in mano uno smartphone un po’ più scattante e reattivo, poiché il potenziale c’è eccome.
Buona la possibilità scegliere se utilizzare i tasti di navigazione classici o le gesture, ma queste ultime risultano molto poco intuitive. Per un’esperienza migliore con le gesture infatti, consiglio l’installazione di One Hand Operation+, di proprietà di Samsung e scaricabile gratuitamente dal Play Store o dal Galaxy Store.

UTILIZZO QUOTIDIANO

Le prestazioni non mancano, infatti non ho notato alcun impuntamento, l’interfaccia utente è sempre fluida, il sistema è sempre reattivo. La differenza con un top di gamma si può forse notare solo nel caricamento delle applicazioni, ma non è così rilevante (a meno che non utilizziate app o giochi particolarmente pesanti).

CONCLUSIONI

In definitiva, questo Galaxy A50 complessivamente mi è piaciuto molto, si è dimostrato molto affidabile e veloce, fa buone foto, ha un’ottima autonomia, il display è perfetto, non ha problemi di ricezione, non manca nulla sul fronte della connettività, e le colorazioni sono molto piacevoli e particolari. Le uniche critiche fattibili possono riguardare l’utilizzo del policarbonato, lo speaker di qualità un po’ più scadente del solito per uno smartphone di questa fascia e la One UI, ancora non pienamente ottimizzata dal punto di vista delle prestazioni del sistema e con delle pessime gesture implementate di serie.

Un’altra critica avrebbe potuto riguardare il prezzo di listino di 359€, un po’ alto visti i materiali “non premium”, ma ormai si trova facilmente tra i 259 e i 289€ su Amazon, che lo rende un best buy per la fascia medio-alta del mercato.

Samsung Galaxy A50

8.1

Design e materiali

8.0/10

Display

9.0/10

Hardware

7.8/10

Fotocamera

7.6/10

Autonomia

9.0/10

Qualità-prezzo (basato sul listino)

7.3/10

Pros

  • Schermo Amoled di grande qualità;
  • Foto diurne perfette, sia per le tre fotocamere posteriori che per quella anteriore;
  • Grande autonomia;
  • E' in policarbonato, ma di ottima qualità.

Cons

  • Altoparlante mono di qualità non eccelsa;
  • Il sensore di impronte digitali ha ogni tanto qualche incertezza;
  • Gli scatti perdono di qualità con scarsa illuminazione.