Tempo di lettura: 5 minuti

Così brutti che hanno fatto il giro e sono diventati belli

Design: una parola che dice tutto e niente. Un concetto filosofico così alto che neanche il più visionario degli architetti e il più metafisico degli ingegneri può descrivere. Cazz…cavolate. Il più ignorante dei capicantieri scovato nel peggior bar di Caracas direbbe: ” ‘Sto smartphone fa proprio schifo!”. Dai su, dareste torto al nostro fidato capocantiere?
Nella storia recente degli smartphone esistono dei veri e propri disastri di design che, in confronto, il look di Lapo è di quanto più sobrio possa esistere sulla faccia della terra. Si parla principalmente di dimensione estetica e non sostanziale/gnosologica dei dispositivi, ma a volte farà schifo anche la sostanza. Si daranno dei voti in base alla quantità di trash presente su ogni singolo device con una scala di valutazione inedita che commissione per il Nobel levati, puoi accompagnare solo. Scaveremo anche nell’era pre-smartphone, così da ricordarci che l’umanità ha sempre partorito mostri che ai più potrebbero ricordare Daniel Radcliffe sotto droghe pesanti.

Daniel Radcliffe

L’alcol fa male. Non diventare come Daniel. Dì NO all’alcol!

NOTA BENE: se sei un fan boy non leggere, potresti adirarti; se sei una mamma pancina salta questo approfondimento, la rugiada potrebbe assalirti di notte; se sei un Testimone di Geova lamentati quanto vuoi, tanto nessuno ti ascolta; se sei un adoratore di Sata…oh no, questo non si può dire; se ti piace Fallout 76 e Kingdome Come allora leggi, potrebbero piacerti questi cellulari. In sostanza si ride e si scherza, non prendete le cose seriamente. Non ho nulla contro i brand, i capicantiere, i Testimoni di Geova e gli ingegneri: si fa della semplice ironia. Invece a voi architetti: vi odio tutti. Si scherza, si scherza.

 

Nokia 9 PureView

Nokia 9 PureView (autunno 2019)

Partiamo dal più moderno, anzi da un modello che è ancora atteso dall’utenza. Parliamo del Nokia 9 PureView, top gamma della storica casa finlandese di cellulari in uscita nell’autunno del 2019. Essendo uno smartphone moderno è una mattonella portatile di 155 x 75 x 8 mm, allineato alla media. Tutto molto snello e familiare sul fronte del dispositivo; è il posteriore dello smartphone a terrorizzare: 5 fotocamere posizionate a membro di segugio fanno rimpiangere il singolo occhio malvagio di Hal 9000. È interessante l’approccio delle multi fotocamere, ma l’organizzazione è tutto. Grandissimo candidato per partecipare alla “Io ce l’ho più lungo championship 2019”. Il flash led è su uno dei vertici dell’esagono che compongono l’insieme delle fotocamere piuttosto che al suo centro; probabilmente una scelta tecnica ma è veramente una testata sulle gengive.

  • Media votazione trash: 6,3
    • Tamarro = 7; Fighetto = 8; Bimbominkia style = 9,5; Punteggio arma impropria = 4;  Adatto a lavori ignoranti = 3.

Samsung Galaxy S4 zoom

Samsung Galaxy S4 Zoom (2013)

C’è stata un’epoca in cui i sensori d’immagine installabili sugli smartphone non erano chissà quanto performanti e in tanti puntavano ancora sull’avere una macchinetta fotografica mirrorless per le foto amatoriali e un telefono, rigorosamente separati. Siamo nel “lontano” 2013 e Samsung gettò il cuore oltre l’ostacolo generando una chimera che in confronto Shou Tucker di Fullmetal Alchemist era un nabbo. Smartphone Android 4.4.2 più mirrorless (con uno zoom ottico 10x) fusi insieme: Eugenio Montale levati, questa è poesia. Con il suo spessore di soli 15,4 mm a zoom a riposo, era la gioia di tutte le tasche minute dei jeans e aveva una manegevolezza assolutamente invidiabile. Con il suo peso di 208 grammi era il compagno ideale per lunghissime sedute in palestra a suon di sbuffate tipiche di atleti fomentati. L’idea era pessima e la realizzazione pure. Anche Mara Maionchi si espresse sul S4 Zoom dicendo “Per me è NO!”.

  • Media votazione trash: 7,4
    •  Tamarro = 8; Fighetto = 6; Bimbominkia style = 7; Punteggio arma impropria = 8; Adatto a lavori ignoranti = 8.

Microsoft Kin ONEm

Microsoft Kin ONEm (2010)

Avete presente quando andate al lago o al mare (io vado al mare perché sono povero, ndr) e cercate quelle pietre a forma di disco, molto smussate, per lanciarle sulla superficie dell’acqua per farle rimbalzare? Se aveste trovato un Microsoft Kin ONEm avrebbe fatto quella fine li, sul fondo del mare. Nel 2010 esistevano diversi brand che preferivano un design a scatto, dove la tastiera fisica veniva nascosta dallo schermo e avere così un dispositivo più portatile. Schermo da 2,6″ touchscreen buono per perdere diottrie e hardware tutto sommato decente per l’epoca, si prestava maggiormente ad un pubblico femminile data la dolcezza e la sinuosità delle forme. Guardandolo ti fa davvero venire voglia di passeggiare mano nella mano con il tuo amato/a sulla battigia e osservare il sole tuffarsi all’orizzonte nell’acqua placida e cristallina. Sei lì a desiderare un futuro roseo e pieno di speranze. Senza pensarci lo peschi dalla tasca e lo lanci in acqua; rimbalza per 6 volte e tu sei davvero soddisfatto del risultato. Una volta che ti rendi conto di ciò che hai fatto, bestemmi l’intero creato andandotelo a riprendere di corsa rovinando il momento idilliaco. Ovviamente non ha la certificazione IP67 e una volta ritrovato rinizi a bestemmiare. La tipa / il tipo ti lascia, cadi in depressione e infine muori in solitudine. Candidato come protagonista per il nuovo film di Moccia: “Tre metri sotto l’acqua”.

  • Media votazione trash: 7.2
    • Tamarro = 4; Fighetto = 9; Bimbominkia style = 8; Punteggio arma impropria = 8; Adatto a lavori ignoranti = 7.

Nokia 7600

Nokia 7600 (2004)

Negli anni d’oro della telefonia “analogica” Nokia ha generato tanti bei device ma anche un’enormità di aborti. Il Nokia 7600 fa parte di questa categoria tanto bella quanto inutile. Concepito da un fan accanito di film di arti marziali dopo una profondissima sbornia, la forma ricorda vagamente quello di uno shuriken uscito difettoso e non proprio in forma smagliante. Le sue punte plasticose e arrotondate sono assolutamente adatte ad un pubblico neonatale che però non vuole rinunciare alla rete 3G. Approved by Mucciaccia. Ottima la memoria di 30 MB che permetteva all’utente l’installazione di applicazioni; peccato però che Symbian – il sistema proprietario di Nokia – non era proprio simpaticissimo e ostacolava in tutti i modi l’installazione delle stesse. Metti la cera, togli la cera. Davvero interessante il layout del tastierino numerico estremamente comodo per farti venire una slogatura alla mano con annesso tunnel carpale. I 4 nano-fori dell’altoparlante in alto a sinistra promettevano la riproduzione di suoni non meglio identificati ad un volume prossimo a quello delle migliori discoteche di Riccione, quando chiuse ovviamente. Ludwig van Beethoven avrebbe apprezzato le possibilità stereofoniche del prodotto.

  • Media votazione trash: 7,6
    • Tamarro = 6; Fighetto = 8; Bimbominkia style = 6; Punteggio arma impropria = 9,5; Adatto a lavori ignoranti = 8,5.

Nokia 3310 Supremo Putin

Caviar Nokia 3310 Supremo Putin (2017)

Prima di leggere avete l’obbligo morale e legale di riprodurre l’inno nazionale russo. Parliamo del Nokia 3310 Supremo Putin, dedicato al dispotico presidente russo. Compagno ideale di qualsiasi sovranista europeo e non, presenta un freschissimo design a base di passato e nostalgia, quando i cellulari potevano essere alimentati da testate nucleari e prodotti in ghisa. Tastierino numerico solo come mamma Nokia sa fare, QWERTY ma a che servi; schermo da 2,4″ utilissimo per leggere distintamente un SMS come farebbe Ray Charles; fantastica fotocamera con flash da 2 MP per una qualità fotografica pari ai satelliti dell’ESA del 1492, Canon hai solo da imparare. Ad impreziosire cotanta elettronica all’avanguardia, l’azienda russa Caviar ha placcato la cover del leggendario telefono con oro e platino, incidendo sul posteriore il viso del dispotico presidente Putin in posa fierissima. Zeb vai a casa, devi ancora farne di strada. Il prezzo di circa 1500 € è nulla davanti a tanto valore estetico e prestazionale. Quando una leggenda incontra una leggenda si può sfociare solo nel kitsch più assoluto. Estremamente consigliato a tutti quelli che hanno intenzione di conquistare l’Ucraina con una bottiglia di vodka in mano e con una tuta acetata dell’Adidas indosso.

  • Media votazione trash: 8
    • Tamarro = 10; Fighetto = 10; Bimbominkia style = 4; Punteggio arma impropria = 7; Adatto a lavori ignoranti = 9.

Il campione indiscusso è il Caviar Nokia 3310 Supremo Putin per ovvi motivi di stabilità politica e per evitare che il dispotico presidente Putin tenti di invadere anche noi. E non si dica che io non ho fatto di tutto per evitarlo! Lunga vita al Supremo Putin!