Tempo di lettura: 3 minuti

Fine della corsa.

Con Silver Lining, siamo finalmente giunti al termine de “La città che non dorme mai”, l’arco narrativo composto dai tre DLC di Marvel’s Spider-Man. Molte linee narrative erano rimaste aperte e Insomniac non ha proprio gestito alla grande questo finale, ma si tratta comunque di una degna conclusione per questa ragno-avventura. Questa volta, volendo fare delle considerazioni finali, non vi risparmierò SPOILER. Consiglio a tutti quelli che non lo hanno giocato di non andare oltre questo paragrafo e, nonostante una parziale delusione, consiglio comunque l’acquisto del season pass a chi ha gradito l’esperienza base. L’esperienza è piacevole e ben confezionata, ma manca qualcosa.

Spider-Man Silver Lining

Trama

Silver Lining è il seguito diretto di Territori Contesi: Yuri Watanabe è stata sospesa dal suo incarico fino a data da destinarsi e, nonostante una pallottola in fronte, Hammerhead è ancora in circolazione. Gli uomini del Padrino continuano a derubare le squadre Sable e Silver Sable, stanca della situazione, decide di intervenire personalmente. Ancora una volta abbiamo una co-protagonista femminile di spessore con una storia interessante alle spalle. Dopo una fase iniziale di diffidenza, Sable si aprirà all’arrampicamuri e i due riusciranno a collaborare egregiamente per sconfiggere Hammerhead. È interessante l’evoluzione del rapporto tra i due e sono anche abbastanza divertenti le fasi di combattimento cooperativo, ma c’è una forte la sensazione di dejavù con gli altri DLC. Finalmente ritorna la Gatta Nera ma, com’era prevedibile, non c’è alcuna spiegazione al fatto che sia sopravvissuta e viene liquidata in maniera rapida e superficiale.

Spider-Man Silver Lining

Il Capitano Watanabe invece, è al centro di una delle attività secondarie: lascia in giro delle tracce relative ad un killer del Maggia che non era riuscita ad arrestare e, dato il fallimento della giustizia ordinaria, alla fine si fa giustizia da sola. Il nastro giallo e viola lascia intendere che finalmente Yuri è diventata Wraith, vigilante controverso già noto a chi bazzica i comics, ma non la si vede mai veramente. Personalmente, ritengo che sia stato dato troppo poco spazio ad un personaggio che finora si era dimostrato molto interessante. Altra nota dolente è il giovane Miles Morales che sta evidentemente per diventare Spider-Man. Ho trovato deludente il fatto che, dopo tre mesi di teasing, non sia stata inserita nemmeno una sequenza in cui si potesse controllare Miles. Chiaramente sarà centrale nel sequel, come lo saranno Wraith, Harry e Norman Osborn. È bello vedere che gli sviluppatori hanno già molte idee, ma temo siano già troppe.

Spider-Man Silver Lining

Gameplay

Ho gradito molto le variazioni di gameplay di quest’ultimo DLC: la mescolanza di diversi tipi di nemici ha innalzato considerevolmente la difficoltà e le mappe sotterranee sono molto adatte allo stealth. I covi infatti, sono sotterranei in questo DLC e ho trovato che fossero strutturati molto bene per agire nell’ombra. Non ci sono altre novità di gameplay rilevanti. Al solito: se avete gradito la formula base, potrete solo divertirvi con questa espansione, ma non aspettatevi grosse novità. Restano le attività di Screwball che finalmente riusciremo ad acciuffare: nulla di che, ma la missione finale è divertente e ha un buon livello di sfida. Vengono aggiunti i soliti tre costumi, ma non sono nulla di che. A rubare l’occhio invece, è il costume della trilogia di Raimi, che è stato aggiunto con un aggiornamento gratuito.

Spider-Man Silver Lining

Comparto Tecnico

Il comparto tecnico è sempre lo stesso: bella la grafica, le animazioni e le musiche. Anche i nuovi ambienti sono molto curati: in particolare la riproduzione delle fognature è di grande impatto e mi è dispiaciuto molto avere solo una sequenza nell’impianto fognario. Spero vivamente che (magari grazie all’aggiunta di Lizard al cast) nel prossimo capitolo si vedano molte più sequenze del genere. Bello il design dei “giocattoli” di Silver Sable, meno quello di Cyborg Hammerhead.

Spider-Man Silver Lining

Silver Lining lascia troppe storie aperte ed è banale nello svolgimento della storia principale, ma riesce ad essere comunque piacevole. Il gameplay si fa apprezzare grazie ad un discreto aumento della difficoltà, ma non c’è nulla di davvero nuovo. Nel complesso consiglio comunque l’acquisto del season pass, perché si fa giocare con gusto, ma Silver Lining mi lascia l’amaro in bocca.

8

Trama

6.0/10

Gameplay

8.0/10

Comparto Video

9.0/10

Comparto Audio

9.0/10

Pros

  • Molta azione
  • Gradito aumento della difficoltà
  • Bella la riproduzione delle fognature

Cons

  • Storia principale scontata
  • Troppe sottotrame liquidate in modo superficiale
  • Simile agli altri due DLC