Tempo di lettura: 5 minuti

Di nuovo sul campo di battaglia!

Non molto tempo fa ho parlato di Sudden Strike 4, strategico in tempo reale ambientato nella seconda guerra mondiale, ed avevo accennato il fatto che ci fossero già tre espansioni disponibili e numerosi aggiornamenti gratuiti fatti per ampliarne i contenuti. Dopo aver giocato a fondo la versione base ho deciso di acquistare le tre espansioni attualmente disponibili per vedere quanto effettivamente fosse ampia l’offerta proposta.

Sudden Strike 4

Road to Dunkirk

Come da titolo questa prima mini espansione verte principalmente sull’evacuazione del contingente franco-britannico di Dunkerque. Sono state aggiunte nuove unità, compatibili con l’epoca, e due mini-campagne, una per gli alleati ed una per l’asse. Oltre ovviamente allo scontro nella città costiera di Dunkerque, che si potrà affrontare con entrambi gli schieramenti, sono presenti pure la battaglia di Lilla, nei panni dei tedeschi, e quella di Ypres, per i britannici. A tutto ciò vanno aggiunto due nuovi generali, tra cui De Gaulle, che permetterà di utilizzare le forze francesi anche nelle schermaglie online od in solitaria.

Sudden Strike 4

La difesa di Dunkerque richiederà un po’ di micro gestione per tenere la linea con le poche unità a nostra disposizione, mentre il grosso delle truppe si imbarca per fuggire.

Finland: Winter Storm

Questo seconda espansione si focalizza invece sul conflitto tra Finlandia ed Unione Sovietica con una campagna di sei scenari in totale che adattano delle battaglie avvenute sia durante la Guerra d’Inverno che durante la Guerra di Continuazione. Come di consueto sono state aggiunte nuove unità, nuovi generali, tra cui uno finlandese per permettere l’utilizzo di questa fazione nella schermaglia. Come per Road to Dunkirk anche questa espansione presenta delle missioni un po’ più ardue rispetto a quelle del titolo base, poiché richiederà capacità ed esperienza da parte del giocatore. Nella seconda missione dei finlandesi sarà infatti necessario mettere fuori combattimento dei carri pesanti sovietici potendo contare solo sulla fanteria, su dei blindati leggeri e su quanto si potrà saccheggiare dal campo di battaglia.

Sudden Strike 4

La campagna dei Finlandesi sarà principalmente incentrata sulla difesa, ma vi saranno momenti in cui sarà necessario attaccare i Sovietici con mezzi ed equipaggiamenti inferiori per qualità ed efficacia.

A differenza del passato è stata aggiunta una meccanica per il recupero dei mezzi che affondano nel fango, che fino a poco fa si impantanavo senza possibilità di essere più recuperati. Adesso esistono dei veicoli fatti apposta per questo compito che vanno ad aggiungersi a quelli già esistenti per il supporto logistico. Le forze finlandesi possiedono poco equipaggiamento proprio e si poggiano su mezzi e armamenti ce negli anni hanno potuto acquistare da altri Paesi, come lo Stug III G, soprannominato “Sturmi”, oppure i saccheggiati T-34 sovietici.

Sudden Strike 4

Il rimorchiatore può essere utilizzato anche per spostare dei veicoli impossibilitati al movimento, ma si tratta di un mezzo estremamente fragile e quindi poco adatto alla prima linea.

Desert War: Africa

L’ultima espansione di Sudden Strike 4 si focalizza sullo scontro in Nord Africa, proponendo sei scenari, tre per l’Asse e tre per gli Alleati, qualche nuova mappa per la modalità schermaglia, nuovi generali e altre minime novità. Al campo di battaglia si uniscono gli italiani, con tutta una serie di nuovi veicoli, soldati e mezzi. Come era accaduto per i finlandesi, anche gli italiani sono doppiati in lingua originale e devo ammettere che il risultato non è per nulla deludente. I veicoli sono ricreati in maniera fedele, sebbene, come accadeva per gli altri, ovviamente non ci siano tutti quelli impiegati dal Regno d’Italia nella seconda guerra mondiale.

Sudden Strike 4

La campagna africana dell’Asse non è interamente nelle mani degli italiani. Solo nella prima missione ed in parte della terza si potranno guidare gli italiani in battaglia. La seconda missione rivede i tedeschi, stavolta sotto la guida di Rommel.

Sono state introdotte le ambulanze per ripristinare i punti vita della fanteria e le tempeste di sabbia, che spesso danneggiano il motore dei veicoli e riducono al contempo il raggio visivo di ogni unità. Le forze italiane, delle quali sicuramente volete sapere qualcosa di più, sono disponibili nella modalità schermaglia con potenziamenti rivolti principalmente ai corazzati. Mentre nella campagna possono disporre di un più nutrito arsenale di mezzi ed equipaggiamento, nella schermaglia possiedono un ristretto numero di unità per garantirne un quanto più corretto bilanciamento, come già era stato fatto con le altre fazioni.

Sudden Strike 4

Le forze tedesche in Africa sono simili a quelle già viste nelle campagna di Francia e nella fase iniziale di quella in Unione Sovietica. Nonostante questo i modelli ora dispongono di una colorazione adatta al nuovo territorio.

Convengono?

Questa è sicuramente la domanda che martella ogni persona quando si trova di fronte a delle espansioni od ai tanto famigerati DLC. Premettendo che le espansioni ed i DLC sono diventati uno dei pochi metodi tutto sommato corretti con cui un’azienda puoi guadagnare ed al tempo stesso supportare la propria creazione, vorrei precisare che finora sono usciti numerosi aggiornamenti gratuiti che non hanno solo corretto dei problemi tecnici, ma che hanno anche aggiunto materiale al gioco in sé.

Sudden Strike 4

La precipitosa fuga di Dunkerque è ben resa nell’ultima missione degli Alleati nell’omonima espansione.

Il costo di ogni espansione è di dieci euro di base, ma l’acquisto in periodi di saldi potrebbe portare questa cifra a calare ulteriormente. I contenuti aggiuntivi non sono enormi, ma sono comunque presenti e sono spesso mirati ai giocatori che hanno potuto apprezzare Sudden Strike 4 e che reclamano ora una sfida più dura, ma anche un po’ di varietà. Escluse le missioni iniziali infatti ci si troverà di fronte situazioni piuttosto disperate, come capita nella seconda e nella terza battaglia con l’esercito finlandese oppure in quella del passo di Kasserine in Africa. In generale bisogna avere più pazienza e salvare più spesso rispetto al gioco base poiché le probabilità che uno scontro si trasformi in una rovinosa sconfitta sono molto più alte rispetto al passato. È già noto che la prossima espansione sarà ambientata nel teatro del Pacifico, ma non è chiaro ancora come essa si svilupperà, visto che gli scontri effettivi tra forze armate americane e nipponiche sono state per lo più nei cieli e nel mare. D’altra parte il gioco non si pone limiti dal punto storico e permette comunque di fare schermaglie fra alleati storici, garantendo il bilanciamento necessario proponendo unità storicamente esistite, ma un po’ riviste per l’occasione.

Sudden Strike 4

In breve le tre mini espansioni di Sudden Strike 4 garantiscono una maggiore quantità di contenuti, ampliando non solo il parco di unità disponibili e le fazioni in gioco, ma aggiungendo nuovi mini campagne, mappe e qualche novità per le meccaniche. A ciò va ad unirsi un costo piuttosto contenuto per ogni singola espansione, sebbene ognuna di esse sia stata fatta per i giocatori che hanno già una certa esperienza sul gioco base. A queste novità si affiancano i numerosi aggiornamenti gratuiti che hanno sistemato alcuni problemi ed un editor esterno non semplice, ma con un paio di video tutorial sul canale ufficiale di Kalypso Media Digital che permetterà di modificare il titolo o di costruire semplici mappe su cui giocare con gli amici.

Sudden Strike 4: Road to Dunkirk, Finland - Winter Storm e Africa - Desert War

7.9

Trama

6.5/10

Gameplay

8.0/10

Grafica

8.5/10

Comparto Audio

8.5/10

Pros

  • Nuove mini-campagne, scenari, unità e dinamiche di gioco
  • Il costo è piuttosto contenuto
  • A livello grafico ed audio è stata mantenuta la qualità del gioco base
  • Le campagne sono per giocatori più rodati
  • In Finland - Winter Storm si affronta per la prima volta la Guerra d'Inverno e quella di Continuazione

Cons

  • Si tratta solo di mini-espansioni
  • Molte unità non saranno poi presenti nelle schermaglie
  • Ancora qualche problemino nelle battaglie 4v4