Tempo di lettura: 5 minuti

Portate altre munizioni!

Mi sono avvicinato a Sudden Strike 4 con più di qualche dubbio in questi giorni, poiché il titolo, che avevo già sotto la mia attenzione, era stato in passato attaccato pesantemente da parte della comunità dei videogiocatori, mentre la stampa non si era sprecata in elogi. Avevo già giocato i primi due capitoli della serie, mentre il terzo lo avevo saltato dal momento che il genere dei tattici in tempo reale è diventato molto di nicchia negli ultimi quindici anni.

Sudden Strike 4

Graficamente il titolo è più sbalorditivo di quanto possa sembrare a primo acchito.

Mi attendevo dunque un titolo classico, ambientato nella seconda guerra mondiale, dove bisogna raggiungere la vittoria con i mezzi e le truppe che si hanno, rifornendo uomini e veicoli di munizioni e benzina. Inoltre, in seguito al parere contrario delle recensioni su Steam, mi aspettavo ben poco, ma, dopo le prime partite, mi sono dovuto fortemente ricredere.

Sudden Strike 4

Il terreno di gioco riveste un ruolo fondamentale in alcuni scenari.

Ancora Panzer, ancora Stuka

Come già detto, Sudden Strike 4 è ambientato nuovamente nella seconda guerra mondiale e, come nei precedenti capitoli, potremo controllare i “cattivi”, cioè i tedeschi, ed anche gli italiani nell’espansione incentrata sull’Africa, cosa che lo differenzia da moltissimi concorrenti in cui le forze dell’asse svolgono solo il ruolo di antagonisti. Nella versione base del titolo sono presenti tre campagne: una per i tedeschi, una per i sovietici ed una per gli alleati. Non si tratta di campagne troppo lunghe, ma ogni missione richiede un po’ di astuzia per poter essere portato ogni volta a termine senza incappare in una rovinosa sconfitta.

Sudden Striker 4

La fanteria si può nascondere tra la vegetazione o nelle asperità del terreno. Come i veicoli inoltre lascia dei segni del suo passaggio.

La varietà degli scenari c’è e, visto che si tratta di un titolo che si basa su fatti storici, non credo che si potesse fare molto di più. Ci sono missioni in cui bisogna proteggere convogli, altre in cui è necessario semplicemente difendere, altre ancora in cui si deve attaccare e così via. Ogni partita della campagna inoltre si può compiere utilizzando uno dei generali disponibili, ognuno dei quali possiede delle caratteristiche uniche che si applicano alle unità sotto il nostro controllo. Alcune di queste abilità permettono ad esempio agli equipaggi dei carri armati di affacciarsi dalla torretta per ampliare il raggio visivo del blindato oppure garantisce più granate per la fanteria.

Sudden Strike 4

La visione delle unità si modifica in base agli ostacoli della mappa.

La tattica diventa strategia

A differenza del passato è stata introdotta la modalità schermaglia, cosa che permette di fare degli scontri su delle mappe predefinite contro l’IA, scegliendo anche il generale, oltre che la fazione, con cui giocare. Durante le schermaglie, così come nelle partite multi-giocatore, Sudden Strike 4 cambia volto trasformandosi in uno strategico in tempo reale a tutti gli effetti. Sarà infatti necessario conquistare dei punti nevralgici per ottenere punti da spendere al fine di richiedere rinforzi sul campo, che a differenza di molti videogiochi vengono trasportati da dei treni e scaricati alle relative stazioni. Questi ultimi andranno conquistati per poter mantenere un flusso continuo di truppe e di rifornimenti sul campo. Una volta perse tutte le stazioni non si potranno chiamare ulteriori aiuti e se ne dovrà occupare velocemente una per poter riprendere a far affluire i rinforzi sul campo di battaglia

Sudden Strike 4

Il fumo e gli effetti in generale sono di ottima qualità. Da notare le icone circolare con iscritto un carro armato stilizzato. Queste icone sono visibili solo quando l’unità è sufficientemente vicina alle nostre, o a quelle degli alleati, da renderla udibile da queste ultime.

Che bello il fumo!

Sudden Strike 4 è graficamente notevole. Non si tratta sicuramente dell’apice in termini di qualità video, ma per il genere a cui appartiene è un risultato ragguardevole, tenendo anche conto che le case di sviluppo e di produzioni siano piuttosto modeste. I modelli sono ben definiti, così come le texture ed il titolo si mantiene sempre stabile e solido in qualsiasi circostanza. Il comparto audio eccelle con effetti audio forti e caratterizzanti, ogni soldato parlerà nella propria lingua, ogni unità farà un rumore tipico quando si muove o spara mentre la colonna sonora è maestosa. Ogni brano accompagna le vicende egregiamente mostrando il lato epico del conflitto più grande che l’umanità abbia mai visto, ma anche la drammaticità.

Sudden Strike 4

L’intero gioco è tradotto e doppiato in Italiano. La qualità del doppiaggio è più che soddisfacente.

Munizioni e benzina

L’opera di Kite Games, nonostante le novità apportate, mantiene comunque fede alle caratteristiche della serie e per questo motivo vi sono tutte le tipiche dinamiche del tattico in tempo reale storico che lo ha reso famoso tra il pubblico. I blindati hanno una corazza differente su ogni lato, la fanteria subisce più danni rimanendo in piedi ed allo scoperto. Fanteria senza munizioni si arrenderà al nemico e un veicolo senza benzina si fermerà in attesa di un rifornimento. Queste meccaniche rendono Sudden Strike 4 una via di mezzo tra Company of Heroes e Steel Division, sebbene il gioco abbia delle sue caratteristiche ben precise e non emuli né l’uno né l’altro, essendo tra l’altro la serie in sé di molto antecedente di entrambe.

Sudden Strike 4

Blindati come il Matilda II ha una corazza molto spessa che fa rimbalzare la maggior parte dei proiettili dei carri armati e dei cannoni anticarro contemporanei. Il segnalino triangolare indica un danno grave al veicolo, in questo caso un cingolo a terra.

L’intelligenza artificiale invece non è particolarmente brillante, o comunque sensazionale. Essa fa il suo dovere senza esagerare e cercando di non essere troppo frustrante per il giocatore. Nonostante questo le varie meccaniche, dal rifornimento delle unità alla micro-gestione durante i combattimenti, non risultano stressanti e frenetiche come avviene in altri concorrenti. A tutto ciò va infine aggiunto la presenza di tre espansioni che ampliano i contenuti del titolo base ed il fatto che i continui aggiornamenti abbiano sistemato la maggior parte dei bug lamentati.

Sudden Strike 4

Esistono numerosissimi modelli, sia di veicoli che di fanteria, ognuno con le sue caratteristiche specifiche ben definite. Ogni unità ha inoltre un numero preciso di: proiettili di vario tipo, capacità di benzina, vita e così via. Colpi ben assestati possono rompere i cingoli dei veicoli, il motore, il cambio ed altro.

Sudden Strike 4 è il quarto capitolo dell’omonima saga di strategici e si dimostra un titolo lodevole sotto moltissimi punti di vista. Ad oggi, con tre mini espansioni sulle spalle e con numerosi aggiornamenti, risulta un titolo godibile, solido e che dispone di un comparto video di alta qualità. Ad esso si affianca un audio ottimo ed una colonna sonora calzante ed avvincente. A differenza dei precedenti sono state ampliate le modalità di gioco, che comprendono svariate campagne, la schermaglia ed il multi-giocatore. Sono state aggiunte sfide mirate per spingere al limite l’utente rodato, ma sono state anche mantenute delle dinamiche di gioco classiche. L’IA non è sicuramente eccezionale, ma non è nemmeno iniqua o troppo dura.

Sudden Strike 4

49,99 €
8.6

Gameplay

8.5/10

Comparto Video

9.0/10

Comparto Audio

9.0/10

Multigiocatore

8.0/10

Pros

  • È un caposaldo della strategia
  • Graficamente lodevole
  • Colonna sonora e comparto audio di elevato spessore
  • Varie modalità di gioco e sfide
  • Il gioco è supportato con continui aggiornamenti ed espansioni
  • Tradotto e doppiato in italiano

Cons

  • Nella modalità schermaglia ci sono certe meccaniche che finiscono in secondo piano
  • Il nemico nella campagna, come in molti tattici, segue precisi trigger