Platini, ori, argenti e bronzi: i trofei ormai noiosi