Tempo di lettura: 5 minuti

Tranquillo, hai tutto il tempo del mondo

Se sapeste che alle 16 di questo pomeriggio qualcuno morirà davanti ai vostri occhi, non fareste di tutto per salvarlo? Sareste disposti a vivere ancora e ancora il momento della sua morte, nel tentativo di porvi rimedio? The Sexy Brutale, avventura sviluppata da Cavalier Game Studios e Tequila Works, parte da questo presupposto, riuscendo a sviluppare una storia accattivante e coinvolgente.

Trama

Lafcadio Boone, misterioso prete di cui ben poco si conosce, si risveglia in una magione a lui familiare, ma che non riesce a ricollegare a nessun ricordo. Accanto a lui vi è una strana donna coperta di sangue, la Bloody Girl, che gli consegna un misterioso orologio da taschino rotto e una missione.

Nella villa e nell’annesso casinò, il Sexy Brutale, si sta tenendo un ballo in maschera, come ogni anno. Questa volta, però, lo staff sta uccidendo nei modi più orribili tutti gli ospiti. Per di più, qualcosa di sovrannaturale blocca la casa in un loop temporale, costringendo i poveri malcapitati a vivere infinite volte la propria morte.

Grazie al potere che la donna infonde sulla sua maschera, Lafcadio può sfuggire al destino degli altri ospiti e tentare di porvi fine salvandoli. E se non dovesse riuscire a sventare la loro morte in tempo, non importa, perché grazie al suo orologio l’enigmatico prete ha il potere di tornare all’inizio del giorno in qualsiasi momento desideri.

Gameplay

Il gameplay di The Sexy Brutale riesce ad essere efficace e coinvolgente nonostante la sua apparente semplicità. Nel tentativo di salvare gli ospiti Lafcadio dovrà muoversi per la magione, esplorando ogni stanza e corridoio.

Avvicinandosi ad una stanza in cui è presente un altro personaggio (sia esso parte dello staff o uno degli ospiti da salvare), la nostra maschera inizierà a bruciare, avvertendoci del pericolo. Grazie al potere della Bloody Girl nessuno può vederci, ma le loro maschere avvertono la nostra presenza e ci attaccano se ci troviamo nella stessa stanza.

Per salvare le vittime di questa carneficina ci toccherà risolvere ogni volta un piccolo enigma, trovando oggetti nell’esplorazione o ascoltando dei dialoghi tra i personaggi. E proprio i dialoghi hanno un ruolo importantissimo: ognuno di essi potrebbe potenzialmente nascondere la chiave per riuscire nella missione. Per poterli ascoltare dovremo nasconderci negli armadi disseminati per la villa o spiare nelle stanze dal buco delle serrature.

La gigantesca villa è divisa in varie sezioni (il casinò, le stanze degli ospiti, le stanze della musica, il teatro ecc.) e per accedere alla zona successiva dovremo prima salvare l’ospite che si trova nella nostra zona. Una volta salvo, avremo la possibilità di indossare la sua maschera e ricevere una particolare abilità che ci permetterà l’avanzamento nel gioco. Alla fine della trama, quando tutti i poteri saranno nostri e avremo scoperto tutti i passaggi segreti della magione dei Bondes, scopriremo che si tratta di un ambiente ben più vasto di quanto si potrebbe inizialmente pensare.

Un piccolo “difetto” del gioco è una semplicità forse eccessiva. Solo pochi enigmi infatti mettono veramente alla prova il giocatore. Spesso infatti basta trovare un oggetto o ascoltare un solo dialogo per giungere alla soluzione. Questo aspetto negativo però non danneggia affatto l’esperienza che è The Sexy Brutale, ma lo rende forse un po’ troppo breve (in media 8 ore di gioco).

Il tempo non si ferma mai, ma si riavvolge

L’elemento di gameplay veramente caratteristico è il tempo. Come detto, gli ospiti sono costretti a rivivere all’infinito le loro morti e con loro, anche noi dobbiamo rivivere all’infinito questo drammatico sabato. Ogni volta che gli orologi segnano la mezzanotte, infatti, veniamo riportati indietro nel tempo e perdiamo tutti gli oggetti che avevamo raccolto nell’esplorazione. Ci risvegliamo quindi a mezzogiorno davanti all’ultimo orologio a pendolo che abbiamo scelto come checkpoint. Questa particolare meccanica ci costringe ad assistere più volte agli omicidi dei vari ospiti, ma ci permette anche di acquisire maggiore consapevolezza di ciò che ci accade intorno. Dopo qualche tentativo ci troveremo ad aver memorizzato gli spostamenti dello staff e delle vittime e a poter agire con maggior consapevolezza.

Ma soprattutto, saremo costretti ogni giorno ad una vera e propria corsa contro il tempo. Nell’ultima ora disponibile, la tensione e l’ansia spadroneggiano e ci si ritrova a correre per la villa nel disperato tentativo di scovare qualsiasi indizio.  Un qualunque oggetto o dialogo che ci avvantaggi quando dovremo ripetere le nostre azioni.

Comparto tecnico

Dal punto di vista visivo, The Sexy Brutale riesce ad essere un titolo molto valido. L’ambientazione è ben curata e trasmette i fasti e il lusso della magione in cui ci troviamo. I modelli dei personaggi sono ben realizzati e l’impatto generale dinanzi a cui si trova il giocatore è assolutamente convincente.

Assente il doppiaggio (e anche la lingua italiana), la narrazione avviene soltanto tramite dialoghi a schermo anche nelle varie cutscene. Considerando tuttavia che spesso nei giochi di questo tipo il doppiaggio non riesce ad essere all’altezza della situazione, la sua assenza non è un lato troppo negativo. Nonostante ciò, in alcuni momenti in cui la tensione e la drammaticità sono particolarmente alte, se ne senta davvero la mancanza.

La colonna sonora, invece, è particolarmente anonima e, tranne in alcuni momenti in cui riesce a sorreggere ed evidenziare ciò che avviene in modo perfetto, si limita ad una semplice musica ambientale.

Un’inaspettata scoperta

The Sexy Brutale è stata una scoperta particolarmente piacevole, sia dal punto di vista della trama che da quello del gameplay. Quella che all’inizio può sembrare la classica storia di un uomo destinato a spezzare un maleficio, evolve in modo interessante, svelando dettagli e profondità inaspettati. E quando alla fine il mistero celato dietro ciò che accade ci viene svelato, non si può che restare sorpresi.

La tensione e l’angoscia che pervadono il giocatore nei momenti più concitati (si tratti della corsa contro il tempo a fine giornata o della morte di uno degli ospiti), contribuiscono ad aumentare l’immersione, complice anche l’ambiente in cui ci si muove.

Proprio l’ambientazione è il principale punto di forza di questo titolo, sia inteso dal lato della costruzione della stessa, sia da quello del gameplay. È raro trovarsi di fronte ad un ambiente così interconnesso e in cui tutti gli elementi utili sono presenti sin dall’inizio.

Se si è particolarmente attenti e curiosi, è possibile fin dalle prime fasi di gioco tracciare i movimenti di due personaggi che salveremo soltanto in late game. Se si siete invece tra quelli che non si fanno sfuggire neanche il più piccolo dettaglio, non sarete delusi. Durante l’esplorazione potrete ascoltare suoni che vi riconducono a momenti della trama che avete vissuto o vivrete in seguito. Per esempio un colpo di fucile alle 16, i rintocchi di una campana alle 19 o una vetrata che si rompe alle 20.

Infine, se saprete riflettere su ciò che il gioco vi mette davanti, potrete anche capire il dramma di un uomo che aveva tanto e ha perso tutto.

The Sexy Brutale è un titolo che riesce a stupire nella sua semplicità. Il gameplay e l’ambientazione riescono a far immergere il giocatore alla perfezione e a fargli vivere una trama inizialmente banale, che evolve in modo totalmente inaspettato, ma assolutamente apprezzato.

The Sexy Brutale

€19.99
8.1

Trama

8.0/10

Gameplay

8.5/10

Ambientazione

8.5/10

Colonna Sonora

7.5/10

Pros

  • Gameplay divertente
  • Trama accattivante
  • Ambientazione immersiva

Cons

  • Enigmi "troppo semplici"
  • Colonna sonora anonima
  • Caricamenti tra le stanze che a volte rallentano il gameplay
  • Non disponibile in italiano